L’istinto del Volo

Amelia Earhart oggi sarebbe una rivoluzionaria, una trend setter, una provocatrice. Lo è stata e forse anche più nell’epoca in cui è vissuta, quando nel 1932 ha deciso di trasvolare da sola l’Atlantico. Dichiarava Amelia:

“La cosa più difficile è la decisione di agire, il resto è pura tenacia”

ameliae nel momento in cui agiva, l’America era nel mezzo della Grande Depressione.

E’ proprio così. Quando le cose vanno male e, di conseguenza i più si lasciano travolgere dalla crisi ci sono alcune persone che sentono ancora più forte l’urgenza di andare controcorrente, di pensare “out of the box” e di volare così oltre la crisi.

Sono i pionieri. Quelli che, proprio perché non trovano più una zona di confort nel conosciuto, inventano territori nuovi e poi li esplorano.

Certo, non hanno una vita facile: chi rompe gli schemi deve avere la forza e il coraggio di romperli anche per chi, immobilizzato dalla paura, li difende strenuamente. A volte sono un po’ soli perché anche i sostenitori che proiettano su di loro sogni e aspettative poi di fatto li vorrebbero tenere chiusi nel cassetto insieme ai sogni.

 

Loro, fortunatamente, vanno avanti comunque, hanno l’urgenza dell’azione. Provano, cadono, si sollevano e riprovano. Alla fine riescono. Ma oggi c’è ancora bisogno di pionieri? Viviamo in un Paese in crisi ormai da molto tempo.

Sappiamo che l’Italia che abbiamo non è l’Italia che vogliamo. E forse proprio in virtù di questa crisi che ci ha lasciato così poco, nel nuovo abbiamo tutto da guadagnare. Certo la stoffa di Amelia Earhart non è di tutti. Ma forse oggi non è così necessario che i pionieri siano anche eroi. Ricordate quello spot dedicato “ai piantagrane, agli anticonformisti e a tutti coloro che vedono le cose in modo diverso”? Terminava dicendo:

“solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero”

Albert Einstein

Ecco: noi di Voc-azione, pur armati di soli dialoghi, questa ambizione la sentiamo dilagare.

 

Anche Voc-azione ha bisogno di pionieri. Se vuoi contribuire a creare un cambiamento positivo in italia, partecipa ai nostri Dialoghi e organizzane uno tu stesso. Condividere l’Italia che vogliamo e iniziare a sviluppare idee per arrivarci è il passo che abbiamo deciso di fare. Assieme a te.

L'autore
2 Comments
  1. Davide de Ferrari Rispondi

    La crisi economica diventa spesso un propellente per chi sceglie di cambiare. Il cambiamento diventa una sfida per ri-emergere e riportare la propria attività in un mare più tranquillo e vincere. Pensate ai costi di una società: tutti pensano di contenerli ma in una cornice di sviluppo dell’impresa i costi restano sospesi e galleggiano in questa cornice. E dunque si sviluppano anche loro. Dopo avere fissato un obbiettivo di riduzione dei costi per sopravvivere, la scoperta è che è possibile ciò che prima ritenevamo impossibile. Andare controcorrente e fare i pionieri significa aprire strade e rendere possibile ciò che pensavamo impossibile. VocAzione apre le strade ai valori. E’ possibile! Davide de Ferrari

  2. Cristina Agostinelli Rispondi

    Chiedi se ancora oggi noi abbiamo bisogno di pionieri? oggi più che mai! un nuovo ruolo: pionieri di antichi valori che si stanno perdendo e eroi nella fatica quotidiana di riproporli come ancora e più che mai validi e attuali. Dico a me stessa e a noi tutti: andiamo avanti perchè non fare nulla significa perdere terreno!

Lascia un commento

*

captcha *